News

Le ultime sulla sostenibilità

Sostenibilità, Standard Ethics alza a EE+ rating di Amadeus IT Group

Standard Ethics ha elevato il Corporate Standard Ethics Rating (SER) di Amadeus IT Group a “EE+” dal precedente “EE”. Il primo Corporate SER assegnato alla società risale al 2017. La società è una costituente dello SE Spanish Index. Amadeus IT Group SA fornisce soluzioni di elaborazione delle transazioni per l’industria del turismo (compagnie aeree e di crociera, hotel, ferrovie, noleggi auto). Opera a livello globale. Nel corso degli ultimi anni, gli ambiti ESG (Environmental, Social e Governance) sono implementati rafforzando l’allineamento di Amadeus IT Group alle indicazioni internazionali sulla Sostenibilità. Gli analisti registrano la definizione e la pubblicazione di target socio-ambientali di medio-lungo periodo, policy sui maggiori temi fissati a livello globale da Onu, Ocse e Ue, e rilevano l’adozione i principi di indipendenza e parità di genere all’interno del Consiglio di Amministrazione. La rendicontazione ESG è allineata alle buone pratiche di settore. Il mantenimento dell’attuale rating EE+ presuppone nel medio periodo anche l’elaborazione e la pubblicazione di una policy sull’Intelligenza Artificiale che copra anche i temi dei diritti individuali ed i il costante adeguamento degli standard in materia di sicurezza informatica.


Ricerca, al PoliMi finanziamento Ue per sostenibilità, salute, chimica e spazio

Sono 4 i ricercatori del Politecnico di Milano che hanno ottenuto il finanziamento per un ERC Proof of Concept (PoC). L’European Research Council (ERC) sovvenziona attraverso il bando ERC PoC progetti eccellenti capaci di distinguersi in ambiti di frontiera, supplementari all’ERC principale, con lo scopo di inserire sul mercato i primi risultati della ricerca di base. I progetti CoRe, NEURO2D, AXESS e CATSYNEX rappresentano un terzo dei 12 progetti italiani finanziati dal primo round di questo bando europeo che dispone di un budget di 30 milioni di euro. La professoressa Sara Bagherifard ha conseguito il finanziamento per il progetto CoRe. CoRe punta ad innovare la riparazione e la rigenerazione dei componenti meccanici utilizzando la tecnologia Cold Spray (CS), integrata con modelli analitici e intelligenza artificiale. Questa innovazione ridurrà significativamente la post-elaborazione, i rifiuti di materiale e i tempi di consegna nell'industria manifatturiera, contribuendo alla sostenibilità e accessibilità nella riparazione, tramite strumenti completamente automatizzati. Bagherifard è professore associato presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica del Politecnico di Milano. La sua ricerca si concentra sulla progettazione, sviluppo e implementazione di materiali multifunzionali eterogenei per applicazioni strutturali.


Sostenibilità, Tikehau Capital sottoscrive accordo acquisizione maggioranza Cebat

Tikehau Capital, gestore alternativo globale, ha sottoscritto tramite la sua strategia di private equity dedicata alla decarbonizzazione, un accordo per l’acquisizione della maggioranza del capitale di Cebat S.p.A, fornitore di servizi infrastrutturali leader in Italia, nonché società in portafoglio di fondi gestiti da Oaktree Capital Management, L.P.. Con sede a Roma, Cebat fornisce servizi di installazione e manutenzione di reti elettriche, idriche e di telecomunicazione, essenziali per l’espansione e l’ammodernamento dell’infrastruttura di rete. Con un fatturato di oltre 200 milioni di euro nel 2023, più di 1.000 dipendenti e 15 sedi operative in Italia, Spagna e Germania, Cebat ha portato a termine più di 300 progetti nei suoi oltre 60 anni di attività e opera al fianco di clienti quali Terna, Enel, Acea e Tim. Il fondo di private equity dedicato alla decarbonizzazione con cui Tikehau Capital completerà l’operazione Cebat ha come obiettivo quello di investire in aziende i cui prodotti o servizi contribuiscono attivamente all’elettrificazione, all'efficienza energetica e in termini di impiego di risorse naturali, all’utilizzo di input produttivi a basso impatto ambientale e, più in generale, all'adattamento dell’attività economica al cambiamento climatico.


Lombardia, Maione: 300mila euro in 3 anni a hub conoscenza per sviluppo sostenibile

Secondo la delibera approvata dalla Regione Lombardia su proposta dell’assessore all’Ambiente e Clima, Giorgio Maione, si prevede uno stanziamento da 300mila euro per il triennio 24-26 dedicato al supporto delle attività dell’ 'Hub della Conoscenza', il progetto formativo promosso da Cassa Padana, Politecnico di Milano, Istituto Capirola di Leno e Fondazione Politecnico di Milano. 

 

La collaborazione tra la Regione Lombardia e la Fondazione Politecnico di Milano permetterà, attraverso l’ 'Hub della Conoscenza', di realizzare momenti formativi e informativi sulle sfide ambientali e sui temi della sostenibilità ambientale ed energetica, di sviluppare laboratori nelle scuole e di svolgere attività di networking con le aziende.


Imprese, Tuv Sud lancia il podcast '100% Made in Sustainability'

SÜD annuncia il lancio di '100% Made in Sustainability', il podcast in 8 puntate che esplora il delicato rapporto tra moda e sostenibilità. Questo progetto segna un importante traguardo per la filiale italiana di TÜV SÜD, rappresentando il suo primo ingresso nel mondo del podcasting. Tuttavia, l'impatto di questo podcast non si limiterà alle frontiere nazionali, poiché è previsto il suo lancio su scala globale. L'iniziativa '100% Made in Sustainability' si propone di educare consumatori e operatori del settore sulla necessità impellente di proteggere l’ambiente e di adottare pratiche di business sostenibili. In un settore tanto influente quanto controverso come quello della moda, diventa sempre più cruciale adottare una prospettiva sostenibile. Attraverso una serie di conversazioni approfondite e illuminanti, il podcast esplorerà le sfide e le opportunità che si presentano nel perseguire la sostenibilità in un'industria notoriamente complessa. Gli otto episodi del nuovo podcast si aprono su questo scenario, esponendo la cruda realtà dei rifiuti tessili, del consumo d'acqua e dell'impatto climatico nell'industria della moda. Ogni episodio del podcast, esplora le pratiche adottate dalle aziende leader per ridurre l'impatto ambientale e sociale e spiega le pratiche di sostenibilità possibili, come l'adozione della metodologia Life Cycle Assessment, l'economia circolare, la carbon footprint, la water footprint e l'Eco-Design.


Sostenibilità, Aspi: Sottoscritto manifesto Global Compact Network Italia dell'Onu

Il gruppo Autostrade per l’Italia ha annunciato di aver firmato il Manifesto 'Imprese per le Persone e la Società', il testo rivolto alle aziende e redatto dall’UN Global Compact Network Italia, rete locale del Global Compact delle Nazioni Unite, la più grande iniziativa di sostenibilità d’impresa al mondo. Con la firma al Manifesto, Autostrade per l’Italia "si impegna a rafforzare il ruolo della dimensione Sociale nelle sue strategie aziendali per generare valore a lungo termine anche nella catena di fornitura e nelle comunità in cui opera".


Sostenibilità, al via 'In Sinergia': progetto Ministero Lavoro condotto da Consumatori

Si rivolgerà a tutte le 20 regioni del territorio nazionale e si concluderà ad agosto 2025, il progetto “In Sinergia” – Percorsi multigenerazionali e multistakeholders per lo sviluppo INclusivo e Sostenibile del Paese”, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, coordinato da Adiconsum, in partnerariato con Anteas – Associazione Nazionale tutte le età Attive per la Solidarietà APS, Movimento Consumatori APS, NeXt Nuova Economia per Tutti APS ETS, Adiconsum Regionale Lombardia APS, Adiconsum Marche APS, Adiconsum Veneto APS, Anteas Lazio ODV, Anteas Lombardia ODV, Movimento Consumatori Ravenna APS, Tutelattiva APS. Obiettivo di “In Sinergia” è promuovere una sostenibilità concreta attraverso azioni su tutto il territorio nazionale sensibilizzando i giovani alla sostenibilità integrale con incontri nelle scuole/università/centri di aggregazione e la popolazione anziana sui vantaggi della sostenibilità con incontri di prossimità coinvolgendo centri anziani/circoli ricreativi, sostenendo inoltre "le fasce più deboli della popolazione affinché traggano vantaggi dalla sostenibilità" coinvolgendo aziende e consumatori per una produzione ed un consumo più sostenibili ed inclusivi coinvolgendo Organizzazioni di impresa, Camere di Commercio, ecc...


Istat: In miglioramento 60% dei 17 obiettivi Onu sostenibilità dell'Italia

È stato presentato ieri nel corso della seconda giornata della 15ª edizione della Conferenza Nazionale di Statistica, il 7° Rapporto Istat sui Sustainable Development Goals (SDGs) adottati, nel 2015, dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite con l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile sottoscritta dai 193 Paesi dell’Onu. I 17 SDGs e i relativi 169 target bilanciano le tre dimensioni dello sviluppo sostenibile, sociale, economica e ambientale, cui si aggiunge la dimensione istituzionale. Il Rapporto è un aggiornamento e un’analisi delle misure statistiche finalizzate al monitoraggio dell’Agenda 2030 per il nostro Paese.
I Goal 4 (Istruzione) e 11 (Città sostenibili) presentano le più elevate incidenze (oltre il 40%) di indicatori in peggioramento rispetto ai dieci anni precedenti e al contempo una percentuale di misure in miglioramento inferiore alla media (intorno al 40%). Per quanto riguarda il Goal 4, peggiorano le competenze alfabetiche e numeriche degli studenti in generale, e in particolare di bambine e bambini della scuola primaria (anche per l’ultimo anno). L’andamento del Goal 11 risulta invece penalizzato dalle crescenti difficoltà di trasporto pubblico e dall’incremento dell’abusivismo edilizio.


Sostenibilità, UniCredit lancia il programma ‘Skills for Transition’

UniCredit ha annunciato oggi il lancio di Skills for Transition, un programma sociale che mette a disposizione una formazione strategica a favore di giovani e aziende per supportarli nel loro percorso verso la transizione verde. Il programma permetterà di sviluppare le competenze necessarie in risposta ai bisogni di un ambiente in continua evoluzione, generando allo stesso tempo un impatto sociale misurabile. L'iniziativa, interamente finanziata dalla banca, è in linea con il forte impegno di UniCredit nel promuovere una transizione giusta ed equa e con il suo costante sostegno all'istruzione, un fattore chiave per il futuro dell'Europa. Questo fa parte dell'obiettivo dichiarato dalla banca, in linea con i suoi impegni ESG, di fornire alle comunità le leve per il progresso. Il programma Skills for Transition, che viene lanciato simultaneamente in sei Paesi del Gruppo UniCredit (Italia, Germania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania), è suddiviso in due iniziative dedicate, rivolte a due diversi beneficiari: studenti e lavoratori delle aziende clienti di UniCredit, per aiutarli a svolgere un ruolo attivo in una transizione giusta ed equa. L’iniziativa dedicata agli studenti, sviluppata da POLIMI Graduate School of Management, offre a coloro che saranno selezionati la possibilità di partecipare a due percorsi formativi, un Master per neolaureati e un bootcamp di quattro mesi per studenti in corso e laureati. 


Lombardia, ass. Sertori: Neve in quota, ottima notizia per ambiente e turismo

“Un’ottima notizia sia per quanto riguarda gli aspetti ambientali e turistici, sia per ciò che attiene al settore agricolo e più in generale produttivo”. Così Massimo Sertori, assessore regionale agli Enti locali e alla Montagna, con delega a Utilizzo risorsa idrica commenta i dati della Lombardia raccolti dalla campagna Snow Water Equivalent (SWE) sui principali apparati glaciali, condotta dal Centro Nivometeorologico di Arpa Lombardia secondo cui i valori di neve cumulata sui bacini glaciali lombardi sono compresi tra 40 e 20 metri, equivalenti a 4201 e 1975 kg/m di riserva idrica del manto nevoso.


Cna Lombardia, il roadshow “Sostenibilità” passa da Brescia

L’iniziativa “Sostenibilità in azione, un cammino pratico”, promossa da Cna Lombardia, si terrà domani 4 luglio nella sala conferenze di Cna Brescia, con l’obiettivo di fornire conoscenze e strumenti per comprendere le nuove tendenze, anche normative, ormai in atto nel sistema economico mondiale, europeo, quindi italiano e lombardo. L’incontro mira ad aiutare artigiani, imprese e professionisti, oltre che ad avere un quadro concreto sulla transizione ecologica in atto, senza trascurare le iniziative che migliorano l’impatto ambientale delle imprese.


L’acqua prima di tutto: il nuovo piano del Gruppo Cap

Impegnarsi nella decarbonizzazione e aumentare la quantità di rifiuti trattati secondo i principi

dell’economia circolare. Supportare i comuni nello sviluppo del drenaggio urbano sostenibile.

Aumentare il numero di impianti gestiti da remoto e quelli digitalizzati con l’applicazione

dell’Intelligenza artificiale. Creare un ecosistema virtuoso di responsabilità sociale d’impresa

condivisa e diffusa, attraverso la sensibilizzazione dei fornitori. Valorizzare le persone, abbattere

il gender pay gap e promuovere la diversity inclusion. E, soprattutto, ampliare le proprie attività

attraverso la gestione del rischio idraulico, lo sviluppo di infrastrutture per incrementare la

resilienza del territorio, la produzione di energia da fonti rinnovabili. 

Sono alcuni dei nuovi obiettivi che Gruppo CAP, la green utility che gestisce il servizio idrico

della Città metropolitana di Milano, ha inserito nel suo nuovo Piano di Sostenibilità, un

documento volto a guidare le scelte dell’azienda per i prossimi anni e che nasce dalla

valutazione dei risultati raggiunti sinora, ma anche dall’analisi del contesto esterno,

profondamente mutato rispetto al 2019, anno in cui la green utility ha pubblicato il suo primo

piano. Il nuovo piano è innanzitutto una strategia di sviluppo sostenibile, con una visione a

lungo periodo, che guarda fino al 2033 e identifica le sfide del settore, i risultati già ottenuti e i

prossimi obiettivi.  La strategia di sostenibilità di CAP si articola attorno a 3 pilastri fondamentali

che descrivono l’identità di CAP e delle sue persone: Sensibili, Resilienti e Innovatori. Sensibili

ai bisogni delle persone, per aumentare il benessere e la fiducia di comunità sempre più

consapevoli ed esigenti. Resilienti negli asset, nella governance e nella gestione per proteggere

un bene essenziale per la vita. Innovatori nel mercato, per anticipare le normative e alimentare

la capacità di fare rete.


Imprese, Electrolux tra le 100 aziende più sostenibili al mondo secondo Time

Electrolux Group è stata inserita tra le migliori 100 aziende nella prima edizione del ‘World’s Most Sustainable Companies 2024’, la classifica delle organizzazioni più sostenibili al mondo stilata dal magazine americano TIME. Electrolux è collocata al 89esimo posto tra le 5.000 aziende monitorate grazie all’impegno in diversi programmi climatici tra i più riconosciuti, come quello promosso da Science Based Targets initiative (SBTi) che si pone l'obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, in linea con l’Accordo di Parigi sul clima. Inoltre, Electrolux, come le altre aziende presenti nelle prime posizioni della classifica, ha ottenuto un alto punteggio da parte di CDP (Carbon Disclosure Project) e ha già da tempo inserito la sostenibilità all’interno dei propri modelli di business. 


Milano, estesi Criteri Ambientali Minimi a servizi privati di interesse pubblico

Con l’obiettivo di ridurre il più possibile l’impatto ambientale e di migliorare le prestazioni del patrimonio edilizio, il Comune di Milano ha deciso di estendere l’applicazione dei CAM, i Criteri Ambientali Minimi, già obbligatori per l’edilizia pubblica, anche nell’ambito dei servizi privati di interesse pubblico o generale. Una disposizione in attuazione del Piano Aria Clima e utile anche alla rimodulazione dei costi di costruzione dovuti dagli operatori, così come previsto dal provvedimento sulla rivalutazione degli oneri di urbanizzazione del marzo 2023.

 

I Criteri Ambientali Minimi sono requisiti volti a individuare, nelle varie fasi del ciclo di vita dell’intervento edilizio, la migliore soluzione progettuale e il miglior prodotto sotto il profilo ambientale, prendendo in considerazione molti elementi, dalla riduzione dell’effetto ‘isola di calore estiva’ al risparmio idrico, dal benessere termico alle emissioni, dagli isolanti ai vari materiali utilizzati, per arrivare alla demolizione selettiva con recupero e riciclo, alla valutazione ambientale del ciclo di vita delle opere e alle prestazioni ambientali del cantiere. I criteri si basano su modelli di sviluppo tipici dell’economia circolare e su accorgimenti in tema progettuale e tecnologico in materia di efficientamento energetico.


Clima, Regione Lombardia: Dieci milioni per città più sostenibili

“L’adattamento delle città ai cambiamenti climatici passa anche da idee innovative. Stiamo costruendo una Lombardia sempre più smart e connessa al futuro. Entro la fine dell’anno investiremo 10 milioni di euro per avere in aree urbane strade verdi e intelligenti”. Lo ha annunciato l’assessore regionale lombardo all’Ambiente e Clima Giorgio Maione.

 

Entro la fine del 2024 infatti la Regione Lombardia aprirà un bando da 10 milioni di euro rivolto ai Comuni per incrementare la capacità di adattamento agli effetti dei cambiamenti climatici delle aree pubbliche urbane, in particolare in risposta ad eventi estremi di temperatura, precipitazioni o siccità. “Vogliamo ridurre le emissioni inquinanti e migliorare la qualità dell'aria - ha aggiunto Maione - anche attraverso la realizzazione di pareti verdi, aree agricole e foreste urbane, vie ciclabili con funzioni ambientali e di drenaggio dell'acqua, oltre alla installazione di strumenti tecnologici come semafori intelligenti che attraverso i sensori favoriscono una mobilità più fluida e riducono emissioni e tempi di attesa, intervallando i segnali luminosi in base al numero di veicoli presenti su ogni singola arteria stradale”.

 

Saranno finanziati progetti per de-impermeabilizzare il suolo con la creazione di nuove infrastrutture verdi e la messa a dimora di essenze vegetali autoctone in grado di favorire l’assorbimento di CO2, con l’obiettivo di contrastare gli effetti dell’isola di calore.


Maione nuovo vicepresidente di rete internazionale delle regioni sul clima

L’assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia Giorgio Maione è stato nominato vicepresidente per l’Europa di Regions4, il network internazionale delle Regioni impegnate nei negoziati per preservare la biodiversità, contrastare il cambiamento climatico e favorire lo sviluppo sostenibile. La nomina è avvenuta a Rio De Janeiro durante l’assemblea generale della rete.  “È la conferma che il modello Lombardia è riconosciuto a livello internazionale” ha commentato l’assessore. Maione, nuovo vicepresidente della rete internazionale per il clima, ha spiegato le ragioni della leadership lombarda sottolineando fondata sull’ “impegno delle istituzioni, delle imprese e dei cittadini della nostra regione”.


Al via la quarta edizione del bando “Proposte di educazione ambientale e alla sostenibilità”

È online la quarta edizione del bando “Proposte di educazione ambientale ed educazione alla sostenibilità”. Le candidature verranno aperte giovedì 27 giugno 2024 alle ore 10:00 e fino al 20 settembre 2024 alle ore 16:00. Il bando, disponibile sulla piattaforma BES (Bandi e Servizi) di Regione Lombardia, è rivolto a pubbliche amministrazioni, enti del terzo settore, no-profit e istituti scolastici, che vogliano candidare progetti di educazione ambientale e alla sostenibilità destinati alle scuole pubbliche, paritarie o private di ogni ordine e grado, che siano realizzati sul territorio lombardo e che trattino una o più delle seguenti tematiche: promuovere l’efficienza energetica e il ricorso alle fonti di energia rinnovabili; incentivare lo sviluppo dell’economia circolare; favorire modelli e misure di adattamento e mitigazione al cambiamento climatico; perseguire il disinquinamento dell’aria, dell’acqua e del suolo; promuovere consapevolezza della limitatezza delle risorse e della necessità del loro responsabile utilizzo. Il bando è un’iniziativa nata in collaborazione tra Regione Lombardia e Fondazione Lombardia per l’Ambiente, con lo scopo di selezionare progetti di qualità per lo sviluppo dell’educazione ambientale e educazione alla sostenibilità in Lombardia. Una giuria composta da rappresentanti di Regione Lombardia, FLA e ARPA Lombardia valuterà i progetti. La dotazione finanziaria è di 50mila euro, con un contributo massimo di 5mila euro a progetto.


Sostenibilità, WeForum: Con edilizia verde opportunità da 1,8 tln dollari al 2030

Un nuovo rapporto del World Economic Forum pubblicato oggi delinea una tabella di marcia per la trasformazione del settore edilizio globale per combattere il cambiamento climatico e proteggere la biodiversità. In un contesto di rapida urbanizzazione a livello mondiale, guidata principalmente dalle economie emergenti, il rapporto presenta un'argomentazione tempestiva per la decarbonizzazione del settore, mostrando come questa possa generare significativi guadagni economici per chi la adotta per tempo e un impatto ambientale positivo per tutti. Il rapporto individua quattro caratteristiche di una visione olistica per gli edifici verdi: Net zero, ridurre al minimo le emissioni nell'intero ciclo di vita attraverso materiali e tecnologie innovative; Nature positive, migliorare le prestazioni ambientali degli edifici integrando gli elementi naturali; Resilienza, massimizzare la capacità degli edifici di resistere a condizioni meteorologiche estreme e alla volatilità del clima; Orientamento al benessere: aumentare il benessere fisico e mentale degli occupanti, migliorano lo sviluppo della comunità e garantiscono l'accesso a tutti.


Forestami Accademy col gruppo Prada

Si è tenuto presso il Salone D’Onore di Triennale Milano, un nuovo incontro nell’ambito del secondo anno formativo della Forestami Academy, l’iniziativa realizzata da Forestami in partnership con il Gruppo Prada con l’obiettivo di promuovere e divulgare i fondamenti scientifici, i principi e i valori della forestazione urbana.

La seconda edizione – dal titolo “La forestazione urbana: benessere e salute” –, strutturata su tre incontri coordinati da Maria Chiara Pastore, docente del Politecnico di Milano e Direttrice Scientifica di Forestami, e con la partecipazione di alcuni tra i più grandi esperti nazionali e internazionali del verde e della forestazione, pone al centro la correlazione tra natura e salute di corpo e mente. La giornata di formazione dal titolo “Perché le foreste urbane sono così importanti per noi? Parlare di alberi per parlare di salute” ha registrato, anche in questa occasione, il tutto esaurito.

Lorenzo Bertelli, Head of Corporate Social Responsibility del Gruppo Prada, ha commentato: “Siamo orgogliosi di vedere la reazione positiva della città di Milano a questi appuntamenti, che hanno sempre un’alta partecipazione, segno tangibile dell’interesse costante della cittadinanza verso le tematiche che l’Academy affronta”. I relatori della giornata: Francesco Ferrini, Professore ordinario di Arboricoltura e Coltivazioni Arboree presso l’Università di Firenze; e Federica Marando, Scientific Officer presso la Commissione Europea – Joint Research Centre. 


Polimi Bovisa, nasce EN:lab, laboratorio tra ricerca e sostenibilità

Nasce EN:lab, 6.000 m2, distribuiti su 4 livelli,  dedicati alle attività del Dipartimento di Energia del Politecnico di Milano (DENG). Il nuovo edificio-laboratorio, che fa parte del Campus Bovisa, sorge in Via Lambruschini. L’inaugurazione si è tenuta alla presenza della Rettrice Donatella Sciuto, del Direttore di Dipartimento Giovanni Lozza, dell’Assessora all’Ambiente e Verde del Comune di Milano Elena Grandi e dell’Assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia Giorgio Maione. EN:lab è il risultato di una innovativa visione integrata di spazi di lavoro, di ricerca e condivisione ed è inserito nell’ambito della rigenerazione urbana dell’area milanese di Bovisa-Goccia-Villapizzone. L’aspetto più innovativo di EN:lab è che l’edificio stesso è un laboratorio in quanto progettato con soluzioni innovative per una gestione energetica efficiente ed integrata. L’edificio dispone di una ampia superficie dedicata alla produzione fotovoltaica, con 300 moduli di silicio monocristallino per una potenza di picco di oltre 100 kW. L’energia termica e frigorifera è fornita da due pompe di calore reversibili ad aria ad alte prestazioni e a basso impatto ambientale, con previsione di collegamento alla futura rete di teleriscaldamento del Campus. Non sono presenti sistemi a combustione, quindi è a zero emissioni dirette.